L'imperfetto (The Imperfect Tense)

 

(This story was taken from a magazine interview with a famous Italian opera singer. Her life was not always glamorous. Here she describes what it was like in the early years before when she was living in Venice to study singing.)

La vita di una giovane cantante...

     Mentre studiavo il canto abitavo a Venezia.  L'ambiente era chiuso.  Non avevo amicizie.  Ero senza soldi, e quindi non potevo uscire sola.  Avevo 19 anni.  Sentivo un enorme desiderio di compagnia.  Invece, niente.  Terminate le lezioni, tornavo in quella squallida stanza a piedi.  Facevo un lungo giro, per distrarmi un po'.  Andavo in piazza San Marco, scendevo lungo la riva degli Schiavoni, e tornavo indietro per le piccole calli interne.  Era tutto il mio divertimento.  Avevo il cuore che mi scoppiava di tristezza.  Per rabbia, studiavo ore e ore, anche di notte.  Al Conservatorio ero la migliore allieva, ma ero anche una ragazza sola e disperata.

Parole utili:

per distrarmi = per divertirmi, per dimenticare i problemi.
calli = le vie di Venezia

scoppiare = to burst, explode

allieva = studentessa, (pupil)

 

Introduction. L'Uso dell'imperfetto o il passato prossimo

 

     Both the passato prossimo and the  imperfetto are past tenses that are used together in past narrations.  They express different kinds of actions in the past, however, and cannot be used interchangeably.

 

     1.  The passato prossimo narrates events completed in the past .  It tells what happened at a given time. Complete the models:

 

Ieri sera io _________________ (ricevere) una lettera.

Noi _______________ alle otto.  (uscire)

Dopo la classe d'italiano lei __________________ subito i compiti. (fare)

Io _______________ (essere) alla stazione proprio alle tredici.

Il treno _______________ (partire) in tempo.

 

     2.  L'imperfetto describes habitual actions in past. Complete:

 

Noi ____________ (uscire) ogni sabato.

Quando ero giovane, ____________ (mangiare) sempre dolci.

Ogni settimana lui ____________ (scrivere) alla mamma.

 

     3. It also describes ongoing actions in the past (can be what was going on while something else was happening or when something happened):

 

Io _______________ (studiare) mentre lui ____________ (parlare).

Noi _______________ (litigare) mentre voi _______________ (guardare) il film.

 

but:

 

Loro ____________ (mangiare) ancora quando il cameriere ___________ (portare) il conto.

La madre non ____________ (guardare) il bambino quando lui___________ (farsi) male.

 

     4. L'imperfetto also describes conditions and states--physical or mental-that existed in the past such as appearance, age, feelings, attitudes, beliefs , time, or weather.

 

Io ______________ (essere) stanco.

Lui -____________ (avere) un appuntamento con Luigi.

____________ (essere) le sette di sera.

____________ (nevicare) ma non ___________ (fare) troppo freddo.

Loro non ___________ (ricordare) il mio nome.

IO ___________ (credere) quello che diceva.

 

     5. Since the passato prossimo expresses what happened at a given moment, whereas the imperfetto expresses a state or a habit, the passato prossimo is the tense used to indicate a change in a state.

 

Mia nonna _________ (avere) paura dei topi.

 

MA:

 

Io _______________ (avere) paura quando ho visto il topo.

 

Contrast the two past tenses:

 

PASSATO PROSSIMO            L'IMPERFETTO

Azioni complete:                           Azioni che continuano:

 

Ieri sera...            Quando ero giovane...

 

ho bevuto un bicchiere di vino.            ...bevevo sempre latte.

 

ho fatto una doccia.            ...facevo sempre un bagno.

 

sono andata a letto a mezzanotte.            ...andavo a letto alle nove.

 

---            ...avevo i capelli biondi.
---            ...ero più bassa.
---            ...ero più felice.
---            ...credevo a Santa Claus.

 

Il telefono ha suonato ...            quando lavavo i capelli.

Quando il telefono ha suonato...  erano le dieci e mezzo.

Ieri ho portato l'ombrello...            perché pioveva e c'era vento.

 

 

NOTA BENE:  The choice of tense depends on the situation, NOT on the verb:         (The same verb can be used in either tense.)

 

Ieri ho ballato per tre ore.            Cenerentola e il principe

            ballavano quando l'orologio

            ha suonato mezzanotte.

 

Summary: L'IMPERFETTO

 

1.  describes action in the past that is:

habitual  "ogni sera"

ongoing -  "mentre"

continuous    "

recurring        "sempre" / "quando"

what used to happen regularly

what you used to do every day

 

2.  describes states that existed in the past

physical appearance

mental

feelings, opinions, attitudes, beliefs

persons appearance, age

weather

time

 

Esercizi:

I. Completare con la forma corretta dell'imperfetto:

1. Cosa mi _________________ tu?   (dire)

2, 3. Ieri sera io _________________ (parlare) al telefono mentre il mio amico ___________________ (giocare) ai giochi elettrici.

4. I bambini _________________ (prendere) gelato.

5. Le ragazze ___________________ (dormire) nel dormitorio.

6. Ieri _________________  (piovere) quando sono dovuto uscire.

7. Da bambini noi ____________________ tutti contenti.  (essere)

8. Il giovane ______________ una Coca-Cola.  (bere)

9. Voi _______________ colazione alle otto stamattina.  (fare)

10. Anni fa mia madre ____________ bella.  (essere)

11. Due anni fa tu _________________ in un negozio. (lavorare)

12. In Russia noi __________________ i romanzi di Tolstoi. (leggere)

13. Da bambina io ____________________ sempre latte. (bere)

14. Prima della guerra mio padre ___________________ l'ingegnere.  (fare)

15. I bambini _______________ contenti di ricevere i regali. (essere)

 

II. DOMANDE PERSONALI.

A. Ask a partner if he/she used to do these things in high school.

 

            Facevi molte gite scolastiche (field trips) nel liceo?

                  --Sì, facevo molte gite. (No, non...)

 

Giocavi a tennis?

Andavi in campagna?

Scrivevi lettere ai nonni?

Leggevi libri italiani?

Prendevi il caffé?

Fumavi sigarette?

Guidavi la macchina?

Studiavi una lingua straniera?

B. Pratica orale: fare con un compagno (o una compagna).

 

1.  Quanti anni avevi quando sei andato/a a scuola la prima volta? ...quando sei andato/a a nuotare? in macchina? in aereo? in treno?

 

2.  Che tempo faceva ieri? sabato?  domenica?

 

3.  Quando eri piccolo/a, quali programmi della televisione guardavi?  Quali scuole frequentavi? Dove abitavi?

 

4.  Quando eri più giovane, facevi viaggi con la famiglia? Dove andavate per il Thanksgiving?  Dove andavate per Natale?  Cosa facevate durante l'inverno? Durante l'estate?

 

5.  Quando eri bambino/a, avevi una bicicletta?  Di che colore era?

 

6.  Da bambino/a, cosa volevi fare? Volevi fare l'ingegnere? il dottore? il/la dentista? il meccanico?  il professore (la professoressa)?

 

 

III.  Tell where each student used to live before coming to the university.

 

      Marco (Pisa)  >  Marco abitava a Pisa.

 

Silvia (Napoli)

noi (Bari)

Giacomo e Stefano (Bologna)

Mirella e sua sorella (Firenze)

io (Palermo)

voi (Brindisi)

tu (Messina)

Luciana (Venezia)

 

IV.  Tell what profession each person used to do before retiring.

      Maria (professoressa) >   Maria era professoressa.

 

Piero (dottore)

noi (biologi)

Mario e Lucio (meccanici)

Luisa (dentista)

io  (ingegnere)

Anita e Carla (professoresse)

voi  (avvocati)

tu (studente)

 

V. MIXED DRILL. Scegliere tra l'imperfetto e il passato prossimo:

 

1.  Di solito io _________ (leggere) tutto il giorno.

2.  I signori Rossi ___________________ (svegliarsi) prima di me stamane.

3.  Ieri, mentre io ______________ (essere) alla finestra, io ______ (vedere) mia zia che ______________ (passare) in giardino.

4.  Quando ero bambina io ____________ (andare) sempre a scuola.

5.  Quando i miei nonni erano giovani loro __________ (abitare) in Puglia.

6.  Domenica scorsa i ragazzi ____________ alla partita di calcio. (andare)

7.  Di solito voi ____________ (prendere) il treno per andare in città.

8.  Ieri io ______________ (guardare) un bello spettacolo a teatro.

9.  Quando noi ____________ molto giovani, ________ più ignoranti. (essere)

10.  L'anno scorso io _________________ (guadagnare) tanti soldi, ma adesso

      sono al verdi.

11.  Quando noi -____________ (essere) bambini,____________ (abitare) in campagna.

12.  La signora ____________ (alzarsi) sempre alle sei ma quella mattina _______________ (alzarsi) alle sette e un quarto.

13.  Io __________ (avere) diciotto anni quando _______________ (cominciare) l'università.

14.  Quando io _________ (avere) dieci anni, mio fratello _______________ (iscriversi) all'università.

15.  Loro ____________ a casa di solito, ma qualche volta _____________ in un ristorante. (mangiare)

16.  Appena svegliato stamattina, tu _______________ (mettersi) a studiare.

17.  Ieri mentre Gina ____________ (parlare) con Paolo davanti al ristorante voi _______________ (vedere) passare la gara ciclistica.

18.  Ieri mattina, il vigile______________ (sentire) il rumore di molti turisti americani che ______________ (uscire) da una chiesa famosa.

19.  Mentre noi ________ (stare) con i genitori al mare, _____________ _______________ (andare) molto spesso nell'acqua.  L'anno scorso, io ______________ (ritornare) da loro, ma non _______ (essere) così contento di andare nell'acqua.  Invece io _______________ (volere) fare altre cose.

20.  Quel giorno, noi ___________ (fare) una gita perché ____________ (fare) bel tempo.

 

B.  Formare frasi con questi elementi usando L'IMPERFETTO.

 

1.  io  / mangiare / panino/ mentre / Grigorio / bere/ birra

2.  i vostri genitori/ lavorare/ mentre/i figli/divertirsi

3. lei/leggere/mentre/io /scrivere /lettera

4.  Marco e Marcella / ascoltare la radio/ mentre / tu/ fare un bagno

5.  Tu/ giocare a pallone/mentre/ Giuseppe/studiare come matto.

 

VI. PICCOLI RACCONTI, prima parte.

 

A. Complete using the IMPERFECT ONLY.  (What used to happen regularly.)

Quando io ____________ (avere) sei anni, _______________ (andare) dai nonni tutte le domeniche. Loro ____________ (essere) molto contenti di vedermi, mi ____________ (fare) regalini, mi ________________ (portare) al cinema e dopo mi ____________ (comprare) un gelato.  Alle sei del pomeriggio mio padre ____________ (venire) a prendermi e io e lui _______________ (ritornare) a casa dove la mia mamma ci ____________ (aspettare).  A casa io _______________ (guardare) la t.v. e poi ___________ (andare) a letto.

Racconti, seconda parte. Complete using either tense.

B. UN INCONTRO SPECIALE

Due anni fa Anna _______________ (andare) in Italia.  Lei __________ (volere) vedere i suoi parenti in Sicilia.  Quando ______________ (arrivare) alla stazione, lei ________________ (vedere) un bel ragazzo.  Lui ________________ (essere) alto e robusto, e  ________________ (portare) una giacca di pelle nera.  Anna ________________ (avere) voglia di parlare con lui.  Mentre lei ________________ (camminare) verso il ragazzo, ________________ (sentire) la voce di sua zia.  I suoi parenti la ________________ (chiamare).  Anna ________________ (lasciare) il bel ragazzo e ________________ (andare) alla macchina dei suoi parenti.  I parenti ________________ (prendere) le sue valigie.  ________ (essere) tardi, e tutti ________________ (andare) subito a casa.

C. Un giorno tipico della vita italiana

La signora Mecuzzi _____________________ (svegliarsi)  quando lei ____________________ (sentire) la sveglia.  _______________ (essere) le sette di mattina.  Non c' ________ (essere) il sole; infatti, ________________ (piovere) un po'.  La buona donna _______________ (volere) pulire la casa prima di uscire.  Mentre lei _______________ (pulire) la cucina, suo figlio _____________________ (entrare).  Lui _____________ (avere) fame: così la signora gli ____________________ (preparare) la prima colazione.

 

D. Una gita in centro

______________ (essere) le undici quando finalmente noi ______________ (uscire) da casa.  Noi _______________ (prendere) un tassì perché Maria ci ________________ (aspettare) in biblioteca e noi non _______________ (volere) arrivare in ritardo.  _______________ (fare) anche brutto tempo. Quando noi _________________ (vedere) Maria, (noi) l'____________ (salutare) e l'________________ (invitare) a pranzo.  Lei ne ____________ (essere) molto contenta perché non __________ (avere) i quattrini per fare colazione. Così noi tre _______________ (andare) alla trattoria "Zia Marta."  Ad un tratto (= suddenly), mentre (noi) ________________ (mangiare), Maria __________________ (alzarsi) perché  _________________ (ricordare) che _______________ (dovere) incontrare Angelo alle dodici.  Così Maria _______________ (andare) a telefonargli.  Mentre (lei) ________________ (spiegare) le circostanze ad un Angelo arrabbiato, (noi) ________________ (divorare) una pizza margherita.  Quando noi _______________ (finire) di mangiare, la povera Maria ___________ (stare) ancora al telefono!

 

 

E. Un altro giorno comincia...

 

Sandro ________________ (dormire) ancora profondamente quando ________________ (suonare) la sveglia.  ________________ (alzarsi) pian piano, mentre la sveglia ________________ (continuare) a suonare.  Finalmente, Sandro la________________ (spegnere: p.p. spento).  Nella quiete della prima mattina, gli ________________ (ritornare) un forte desiderio di dormire.  ________________ (esitare) a lungo.  Infine, ________________ (decidere) di vestirsi e di andare a fare colazione.  Dopo colazione mentre ________________ (andare) alla prima classe, gli ________________ (venire) un sentimento di benessere.  ________________ (essere) felice di essersi alzato dopo tutto.

 

 

F. L'esame tremendo

 

La mattina dell'esame, Paolo ________________ (alzarsi) presto.  ________________ (essere) molto nervoso, e ________________ (vestirsi) in fretta.  (avere) _______________ un'ora prima della colazione, e _______________ (decidere) di studiare ancora i suoi appunti. Mentre_______________ (leggere) attentamente, _______________ (essere) felice di scoprire che_______________ (ricordare) la roba.  L'ora _______________ (passare) presto, ed _______________ (andare) a fare colazione in un piccolo bar all'angolo.  Lì _______________ (incontrare) Roberto, e loro _______________ (mangiare) insieme e _______________ (andare) all'esame insieme.  L'esame_______________ (essere) facile, e Paolo l'_______________ (fare) bene.  Dopo la classe, i ragazzi _______________ (decidere) di prendere qualcosa insieme. _______________ (camminare) in centro e _______________ (entrare) in un bar.  _______________ (ordinare) una bevanda per ciascuno e anche una grande pizza.

 

G. Le vacanze passate

 

Durante maggio e le prime due settimane di giugno, io non ________________ (seguire) nessun corso.  La mia amica ed io ________________ (giocare) a pallavolo ogni pomeriggio.  Lei ________________ (dormire) fino alle undici ogni giorno.  I miei amici ________________ (fare) delle gite.  Io ________________ (leggere) un librone di 700 pagine. (Ero sempre una brava studentessa e ________________ (ricevere) sempre buoni voti durante il scorso semestre.  Ogni domenica mattina la mia compagna di stanza ________________ (andare) all'edicola per comprare un giornale.  Poi noi ________________ (guardare) qualche film alla televisione mentre ________________ (fare) colazione. 

Ma adesso tutto è cambiato.  Ieri ________________ (fare) ancora bel tempo e c' ________________ (essere) il sole ma io ________________ (avere) una classe alle 9,00.  Mi ________________ (sentire) stanca mentre ________________ (camminare) perché avevo dormito soltanto cinque ore la notte precedente.  Addio, bei giorni di vacanza estiva!

 

H. Beati giovani!

Quando noi ________________ (essere) giovani, ________________ (giocare) a tennis ogni giorno.  Noi ________________ (potere) mangiare tutto ciò che ________________ (volere) perché ________________ (fare) tanto moto.  Noi ________________ (abitare) in California, dove fa caldo anche d'inverno, e ci è piaciuto bere una limonata dopo l'incontro di tennis, e spesso ________________ (comprare) anche un gelato.  Io non ________________ (capire) perché i miei genitori non ________________ (giocare) anche loro, né perché loro ________________ (parlare) sempre della dieta.  Ora capisco che ________________ (essere) sempre troppo occupati a farsi la vita, come sono anch'io adesso.

 

J. UNA FIABA: LA CENERENTOLA

 

_______________ (esserci) una volta una bella giovane che la gente _______________ (chiamare) Cenerentola.  Lei ______________  (avere) due brutte sorellastre che non ______________ (essere) mai troppo simpatiche!  ______________ (essere) Cenerentola che ______________ (fare) tutto il lavoro a casa. Cenerentola ______________ (lavorare) tanto, ______________ (lavare) tutti i piatti ogni giorno e ______________ (pulire) la casa intera casa.  almeno due volte alla settimana.

Un giorno un bel principe ______________ (decidere) di dare un gran ballo per trovare una bella sposa.  Ma Cenerentola non ______________ (potere) andare perché non ______________ (avere) niente di bello da portare.  Cenerentola ______________ (piangere) nel giardino quando una fata turchina ______________ (arrivare).  La fata ______________ (portare) una bacchetta magica.  Lei ______________ (toccare) i vestimenti di Cenerentola e loro ______________ (diventare) molto belli!  Cenerentola ______________ (promettere) alla fata di ritornare entro mezzanotte.  Poi lei _____________(partire) in una carrozza d'oro tirata da quattro cavalli bianchi.

Al ballo il principe _______ (invitare) la bella sconosciuta a ballare, e loro ____________ (ballare) per tre ore.  Cenerentola ____________ (essere) così felice che _______________ (dimenticare) l'ora.  Ma tutt'ad un tratto mentre loro _________________ (ballare), lei ________________ (sentire) la campana che ________________ (annunciare) l'ora.  don! Don! DON!  ________________ (essere) già mezzanotte!  Cenerentola  ________________ (lasciare) il principe in fretta e furia, ed ________________ (uscire) dal palazzo.  Così ________________ (perdere) una delle sue scarpe incantate.

Il principe, che ormai ________________ (amare) la Cenerentola , ________________ (andare) a ritrovarla.  ________________ (cercare) in tutte le case del paese. Finalmente, lui ________________ (venire) alla vecchia casa dove Cenerentola  e le due brutte sorellastre ________________ (abitare) con il loro padre.  Il principe ________________ (avere) la scarpa in mano.  Le due brutte la________________ (provare) ma ________________ (essere) troppo piccola per i loro piedoni.  Timidamente, la Cenerentola  ________________ (chiedere): "Potrei provarla anch'io?"  La scarpa le ____________ (stare) bene. ________ (essere) evidente a tutti che la bella ragazza misteriosa del ballo e la povera Cenerentola fosse la stessa persona!  Poi il principe ________________ (sposarsi) con la Cenerentola, che________________ (diventare) una vera principessa.  Loro ________________ (avere) molti bambini ma la Cenerentola  ________________ (rimanere) sempre bella e snella, e il principe non ________________ (diventare) mai né grosso né calvo.  Perché?  Perché questa è una fiaba!!

 

Answer Key:

 

Introduction.

1. Frasi con il passato prossimo:

Ieri sera io ho ricevuto una lettera.

Noi siamo usciti alle otto.

Dopo la classe d'italiano lei ha fatto subito i compiti.

Io sono stato/a alla stazione proprio alle tredici.

Il treno è partito in tempo.

 

2.  Frasi con l'Imperfetto:

Noi uscivamo ogni sabato.

Quando ero giovane, mangiavo sempre dolci.

Ogni settimana lui scriveva alla mamma.

Io studiavo mentre lui parlava.

Noi litigavamo mentre voi guardavate il film.

 

3. Mixed tenses:

Loro mangiavano ancora quando il cameriere ha portato il conto.

La madre non guardava il bambino quando lui si è fatto male.

 

4. Other uses of imperfect: Io ero stanco.

Lui aveva un appuntamento con Luigi.

Erano le sette di sera.

Nevicava ma non faceva troppo freddo.

Loro non ricordavano il mio nome.

Io credevo quello che diceva.

 

5. Mia nonna aveva paura dei topi.

Io ho avuto paura quando ho visto il topo.

 

Esercizi:

I. Completare con l'imperfetto:

1. Cosa mi dicevi tu?

2, 3. Ieri sera io parlavo al telefono mentre il mio amico giocava ai giochi elettrici.

4. I bambini prendevano gelato.

5. Le ragazze dormivano nel dormitorio.

6. Ieri pioveva quando sono dovuto uscire.

7. Da bambini noi eravamo tutti contenti.

8. Il giovane beveva una Coca-Cola.

9. Voi facevate colazione alle otto stamattina.

10. Anni fa mia madre era bella.

11. Due anni fa tu lavoravi in un negozio.

12. In Russia noi leggevamo i romanzi di Tolstoi.

13. Da bambina io bevevo sempre latte.

14. Prima della guerra mio padre faceva l'ingegnere.

15. I bambini erano contenti di ricevere i regali.

 

II, A & B. DOMANDE PERSONALI. Oral practice to do with a partner.

 

III.  Tell where each student used to live before coming to the university.

 

      Marco (Pisa)  >  Marco abitava a Pisa.

 

Silvia abitava a Napoli.

Noi abitavamo a Bari.

Giacomo e Stefano abitavano a Bologna.

Mirella e sua sorella abitavano a Firenze.

Io abitavo a Palermo.

Voi abitavate a Brindisi.

Tu abitavi a Messina.

Luciana abitava a Venezia.

 

IV.  Tell what profession each person used to do.

 

Piero era dottore.

Noi eravamo biologi.

Mario e Lucio erano meccanici.

Luisa era dentista.

Io ero ingegnere.

Anita e Carla erano professoresse.

Voi eravate avvocati.

Tu eri studente.

 

V. MIXED DRILL.

 

1. Di solito io leggevo tutto il giorno.

2. I signori Rossi si sono svegliati prima di me stamane.

3. Ieri, mentre io ero alla finestra, io ho veduto mia zia che passava in giardino.

4. Quando ero bambina, io andavo sempre a scuola.

5. Quando i miei nonni erano giovani, loro abitavano in Puglia.

6. Domenica scorsa i ragazzi sono andati alla partita di calcio.

7. Di solito voi prendevate il treno per andare in città.

8. Ieri io ho guardato un bello spettacolo a teatro.

9. Quando noi eravamo molto giovani, eravamo più ignoranti.

10. L'anno scorso io ho guadagnato tanti soldi, ma adesso sono al verdi.

11. Quando noi eravamo bambini, abitavamo in campagna.

12. La signora si alzava sempre alle sei, ma quella mattina si è alzata alle sette e un quarto.

13. Io avevo diciotto anni quando ho cominciato l'università.

14. Quando io avevo dieci anni, mio fratello si è iscritto all'università.

15. Loro mangiavano a casa di solito, ma qualche volta hanno mangiato in un ristorante.

16. Appena svegliato stamattina, tu ti sei messo/a a studiare.

17. Ieri mentre Gina parlava con Paolo davanti al ristorante voi avete visto passare la gara ciclistica.

18. Ieri mattina, il vigile ha sentito il rumore di molti turisti americani che uscivano da una chiesa famosa.

19. Mentre noi stavamo con i genitori al mare, andavamo molto spesso nell'acqua.  L'anno scorso, io sono ritornato/a da loro, ma non ero così contento di andare nell'acqua.  Invece io volevo fare altre cose.

20. Quel giorno, noi facevamo una gita perché faceva bel tempo.

 

B.  Formare frasi.

 

1. Io mangiavo un panino mentre Grigorio beveva una birra.

2. I vostri genitori lavoravano mentre i figli si divertivano.

3. Lei leggeva mentre io scrivevo una lettera.

4. Marco e Marcella ascoltavano la radio mentre tu facevi un bagno

5. Tu giocavi a pallone mentre Giuseppe studiava come matto.

 

VI. PICCOLI RACCONTI, prima parte. A. L'imperfetto.

     Quando io avevo sei anni, andavo dai nonni tutte le domeniche. Loro erano  molto contenti di vedermi, mi facevano regalini, mi portavano al cinema e dopo mi compravano un gelato.  Alle sei del pomeriggio mio padre veniva a prendermi e io e lui ritornavamo a casa dove la mia mamma ci aspettava.  A casa io guardavo la t.v. e poi andavo a letto.

 

B. UN INCONTRO SPECIALE

Due anni fa Anna è andata in Italia.  Lei voleva vedere i suoi parenti in Sicilia.  Quando è arrivata alla stazione, lei ha visto un bel ragazzo.  Lui era alto e robusto, e portava una giacca di pelle nera.  Anna aveva voglia di parlare con lui.  Mentre lei camminava verso il ragazzo, ha sentito la voce di sua zia.  I suoi parenti la chiamavano.  Anna ha lasciato il bel ragazzo e è andata alla macchina dei suoi parenti.  I parenti hanno preso le sue valigie.  Era tardi, e tutti sono andati subito a casa.

 

C. Un giorno tipico della vita italiana

     La signora Mecuzzi si è svegliata quando lei ha sentito la sveglia.  Erano le sette di mattina.  Non c'era il sole; infatti, pioveva un po'.  La buona donna voleva pulire la casa prima di uscire.  Mentre lei puliva la cucina, suo figlio è entrato.  Lui aveva fame: così la signora gli ha preparato la prima colazione.

 

D. Una gita in centro

Erano le undici quando finalmente noi uscivamo da casa.  Noi abbiamo preso un tassì perché Maria ci aspettava in biblioteca e noi non volevamo arrivare in ritardo.  Faceva anche brutto tempo. Quando noi abbiamo visto Maria, (noi) l'abbiamo salutata e l'abbiamo invitata a pranzo.  Lei ne era molto contenta perché non aveva i quattrini per fare colazione. Così noi tre andavamo alla trattoria "Zia Marta."  Ad un tratto (= suddenly), mentre (noi) mangiavamo, Maria si è alzata perché ha ricordato che doveva incontrare Angelo alle dodici.  Così Maria è andata a telefonargli.  Mentre (lei) spiegava le circostanze ad un Angelo arrabbiato, (noi) abbiamo divorato una pizza margherita.  Quando noi abbiamo finito di mangiare, la povera Maria stava ancora al telefono!

 

E. Un altro giorno comincia...

 

     Sandro dormiva ancora profondamente quando ha suonato la sveglia.  Si è alzato pian piano, mentre la sveglia continuava a suonare.  Finalmente, Sandro la ha spenta.  Nella quiete della prima mattina, gli è ritornato un forte desiderio di dormire.  Esitava a lungo.  Infine, ha deciso di vestirsi e di andare a fare colazione.  Dopo colazione mentre andava alla prima classe, gli è venuto un sentimento di benessere.  Era felice di essersi alzato dopo tutto!

 

F. L'esame tremendo

 

     La mattina dell'esame, Paolo si è alzato presto.  Era molto nervoso, e si è vestito in fretta.  Aveva un'ora prima della colazione, e ha deciso di studiare ancora i suoi appunti. Mentre leggeva attentamente, era felice di scoprire che ricordava la roba.  L'ora è passata presto, ed è andato a fare colazione in un piccolo bar all'angolo.  ha incontrato Roberto, e loro hanno mangiato e sono andati all'esame insieme.  L'esame era facile, e Paolo l'ha fatto bene.  Dopo la classe, i ragazzi hanno deciso di prendere qualcosa insieme. Hanno camminato in centro e sono entrati in un bar.  Hanno ordinato una bevanda per ciascuno e anche una grande pizza.

 

G. Le vacanze passate

 

     Durante maggio e le prime due settimane di giugno, io non ho seguito nessun corso.  La mia amica ed io giocavamo a pallavolo ogni pomeriggio.  Lei dormiva fino alle undici ogni giorno.  I miei amici facevano delle gite.  Io ho letto un librone di 700 pagine. (Ero sempre una brava studentessa e ricevavo sempre buoni voti durante il scorso semestre.  Ogni domenica mattina la mia compagna di stanza andava all'edicola per comprare un giornale.  Poi noi guardavamo qualche film alla televisione mentre facevamo colazione. 

 

     Ma adesso tutto è cambiato.  Ieri faceva ancora bel tempo e c' era il sole ma io avevo una classe alle 9,00.  Mi sentivo stanca mentre camminavo perché avevo dormito soltanto cinque ore la notte precedente.  Addio, bei giorni di vacanza estiva!

 

H. Beati giovani!

 

     Quando noi eravamo giovani, giocavamo a tennis ogni giorno.  Noi potevamo mangiare tutto ciò che volevamo perché facevamo tanto moto.  Noi abitavamo in California, dove fa caldo anche d'inverno, e ci è piaciuto bere una limonata dopo l'incontro di tennis, e spesso compravamo anche un gelato.  Io non ho capito perché i miei genitori non giocavano anche loro, né perché loro parlavano sempre della dieta.  Ora capisco che erano sempre troppo occupati a farsi la vita, come sono anch'io adesso.

 

J. UNA FIABA: LA CENERENTOLA

 

     C'era una volta una bella giovane che la gente chiamava Cenerentola.  Lei aveva due brutte sorellastre che non erano mai troppo simpatiche!  Era Cenerentola che faceva tutto il lavoro a casa. Cenerentola lavorava tanto: lavava tutti i piatti ogni giorno e puliva la casa intera casa almeno due volte alla settimana.

     Un giorno un bel principe ha deciso di dare un gran ballo per trovare una bella sposa.  Ma Cenerentola non poteva andare perché non aveva niente di bello da portare.  Cenerentola piangeva nel giardino quando una fata turchina è arrivato.  La fata portava una bacchetta magica.  Lei ha toccato i vestimenti di Cenerentola e loro sono diventati molto belli!  Cenerentola ha promesso alla fata di ritornare entro mezzanotte.  Poi lei è partita in una carrozza d'oro tirata da quattro cavalli bianchi.

     Al ballo il principe ha invitato la bella sconosciuta a ballare, e loro hanno ballato per tre ore.  Cenerentola era così felice che ha dimenticato l'ora.  Ma tutt'ad un tratto mentre loro ballavano, lei ha sentito la campana che annunciava l'ora.  don! Don! DON!  Erano già mezzanotte!  Cenerentola  ha lasciato il principe in fretta e furia, ed è uscita dal palazzo.  Così ha perso una delle sue scarpe incantate.

     Il principe, che ormai amava la Cenerentola , è andato a ritrovarla.  Ha cercato in tutte le case del paese. Finalmente, lui è venuto alla vecchia casa dove Cenerentola e le due brutte sorellastre abitavano con il loro padre.  Il principe aveva la scarpa in mano.  Le due brutte la hanno provata, ma era troppo piccola per i loro piedoni.  Timidamente, la Cenerentola ha chiesto: "Potrei provarla anch'io?"  La scarpa le stava bene.  Era evidente a tutti che la bella ragazza misteriosa del ballo e la povera Cenerentola fosse la stessa persona!  Poi il principe si è sposato con la Cenerentola, che è diventata una vera principessa.  Loro avevano molti bambini ma la Cenerentola è rimasta sempre bella e snella, e il principe non è diventato mai né grosso né calvo.  Perché?  Perché questa è una fiaba!!